Archivio

Ci sono famiglie che non sanno nulla dei propri cari

Notte di terrore e 140 morti a Parigi
Paura per i tantissimi siciliani

Il Terrorismo colpisce Parigi e si teme per i tanti siciliani che si trovano in Francia. ce ne sono in vacanza ma anche tanti che vi lavorano. Si muove anche la Consulta delle Culture a Palermo manifestazione alle 16

0 condivisioni

Il sindaco di Palermo: "Vicini alle famiglie delle vittime"

Strage di Kunduz, Ancisicilia esprime solidarietà a Medici senza frontiere

Dopo il bombardamento all’ospedale afgano di Kunduz, che ha causato la morte di 19 persone, il sindaco Leoluca Orlando e Ancisicilia esprimono la loro solidarietà verso Medici senza frontiere

0 condivisioni

commenti violenti e oltre il razzismo alle tragedie

Senza alcuna umanità!

“Che schifo, inquinano il mare!”. E’ stato il primo commento giunto ieri mattina quando, aprendo gli occhi, ci siamo trovati a raccontare subito la più grande tragedia del mare che sia nota. si temono 700 morti avevamo scritto e postato. immediato l’arrivo di questo commento. Poche parole che hanno suscitato qualche protesta fra gli altri

0 condivisioni

i migranti erano partiti dalla libia

Orrore a Lampedusa: “E’ una strage”
Fermato un presunto scafista

E’ stato fermato dalla polizia uno dei presunti scafisti. I dispersi sono ancora centinaia. Fra le vittime anche una donna incinta e 4 bambini. La Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta. Uno dei presunti scafisti del barcone è stato fermato dalla polizia.

0 condivisioni

lo sfogo dell'associazione dei georgofili

“Quella revoca è un regalo
alla mafia senza precedenti”

Provenzano – spiega la presidente Giovanna Maggiani Chelli – è in ospedale, è curato per tutte le sue patologie. Quello di Bernardo Provenzano è un 41 bis sulla carta. Revocano quella questione di principio che mai avrebbe dovuto venire meno davanti ai morti ammazzati dalla mafia e che da troppo tempo era nell'aria”.

0 condivisioni

Letta: "Il richiamo alla memoria ci unisce tutti"

Via D’Amelio, Grasso: “Insieme
a Falcone risvegliò le coscienze”

Un minuto di silenzio a Palazzo Madama dove il presidente del Senato Pietro Grasso e il premier Enrico Letta sono intervenuti all’apertura dei lavori d’aula  ricordando il 21° esimo anniversario della strage di via d’Amelio.

0 condivisioni

L'assessore Catania: "Violenza che macchia il Paese"

Palermo, 8 luglio 1960
Il Comune commemora la strage

A distanza di 53 anni, l’amministrazione comunale e l’Associazione nazionale partigiani d’Italia hanno commemorato questa mattina in via Maqueda la strage in cui hanno perso la vita  tre manifestanti e una passante.

0 condivisioni

Nella foto Cosimo D'amato

Mafia, chiesto ergastolo
per il pescatore che fornì il tritolo

I pm di Firenze Alessandro Crini e Giuseppe Nicolosi hanno chiesto l’ergastolo per il pescatore siciliano Cosimo D’Amato, a processo con rito abbreviato a Firenze con l’accusa di aver fornito il tritolo per le stragi mafiose di Roma, Firenze e Milano del 1993-1994.

0 condivisioni

Il fatto venne segnalato in una telefonata anonima

‘Borsellino quater’: in via D’amelio palazzo degli uomini dei Madonia

Una telefonata anonima ricevuita dalla quiestura di Palermo il 20 luglio del 1992, all’indomani della strage in cui furono uccisi il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta, segnalò “che in via D’Amelio c’era un palazzo in costruzione appartenente ai Graziano, considerati vicini al clan Madonia”.

0 condivisioni

La giornata siciliana in pillole

BlogSicilia Video News,
oggi in Sicilia in 2 minuti

La giornata siciliana in 2 minuti. E’ on line l’edizione odierna (2 aprile) dello smart Tg di Blog Sicilia Tv. Il riassunto delle principali notizie siciliane è disponibile ogni sera dal lunedì al venerdì

0 condivisioni

Oltre 300 i testi che dovranno deporre

Strage Borsellino, a Caltanissetta
inizia il processo quater

Al via nell’aula della Corte d’Assise di Caltanissetta il nuovo processo, il quarto, per la strage di via D’Amelio in cui morirono il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta.

0 condivisioni

tra le stazioni di caronia e acquedolci

Strage di pecore nel Messinese,
treno investe gregge

Un treno regionale ha travolto un gregge di pecore nel tratto ferroviario compreso tra le stazioni di Caronia ed Acquedolci (Messina). L’incidente si è verificato ieri sera verso le 22 senza conseguenze per il convoglio né per i passeggeri, ma con un’ecatombe di ovini: 130 animali sono rimasti uccisi.

0 condivisioni

tra le stazioni di caronia e acquedolci

Strage di pecore nel Messinese,
treno investe gregge

Un treno regionale ha travolto un gregge di pecore nel tratto ferroviario compreso tra le stazioni di Caronia ed Acquedolci (Messina). L’incidente si è verificato ieri sera verso le 22 senza conseguenze per il convoglio né per i passeggeri, ma con un’ecatombe di ovini: 130 animali sono rimasti uccisi.

0 condivisioni

esteri

Norvegia, Breivik è sano di mente:
21 anni di carcere al killer di Utoya

Anders Breivik è stato condannato dal tribunale di Oslo a 21 anni di carcere, la pena massima permessa dalla legge in Norvegia, per le stragi di Oslo e Utoya, cui la scorsa estate sono rimaste uccise 77 persone: otto nella capitale norvegese per lo scoppio di una bomba e le altre 69 massacrate facendo fuoco sui giovani socialisti riuniti sull’isola di Utoya.

0 condivisioni

Erano accusati dell'omicidio di due carabinieri

Strage di Alcamo:
assolti Ferrantelli e Santangelo

La Corte d’appello, sezione per i minorenni di Catania, ha assolto, con formula piena, gli alcamesi Vincenzo Ferrantelli e Gaetano Santangelo, condannati rispettivamente a 14 e 22 anni per la strage nella caserma di Alcamo Marina (Tp) del 26 gennaio 1976, in cui morirono l’appuntato Salvatore Falcetta e al carabiniere Carmine Apuzzo.

0 condivisioni

L'appello ai giovani della figlia di Paolo

Strage via d’Amelio, Agnese Borsellino: “Non perdo la speranza”

“Carissimi giovani mi rivolgo a voi come ai soli in grado di raccogliere davvero il messaggio che mio marito ha lasciato”. Inizia cosi’ l’appello che Agnese Borsellino consegna ai microfoni
della Tgr Rai Sicilia alla vigilia del 20esimo anniversario della strage di via d’Amelio. “Dopo alcuni momenti di sconforto – dice Agnese Borsellino – ho continuato e continuero’ a credere e rispettare le istituzioni di questo Paese come mio marito sino all’ultimo ci ha insegnato.

0 condivisioni

ieri hanno sfilato le agende rosse

Palermo ricorda Borsellino
a 20 anni da via D’Amelio

Le iniziative commemorative scattate ieri culmineranno stasera in una fiaccolata organizzata da Giovane Italia che partirà alle 20 da piazza Vittorio Veneto e si concluderà proprio in via D’Amelio, davanti all’albero di ulivo simbolo dell’eccidio. Quell’albero e quel luogo, però, secondo la famiglia Borsellino non devono “essere meta di rappresentanti delle istituzioni venuti a portare corone di fiori. Vogliamo che ci siano persone che scelgono di fare memoria”.

0 condivisioni

Manifestanti al Palazzo di Giustizia

“Io non voglio il silenzio”
Commemorazione della strage

1992-2012. A vent’anni dalla strage di via D’Amelio, Palermo per due giorni diventa la città della commemorazione. Dalle ore 9 di stamattina oltre 50 manifestanti si sono dati appuntamento davanti al Palazzo di Giustizia con agende rosse alla mano e cartelloni a sostegno di chi tiene accesa l’attenzione sulle stragi di mafia e “in difesa di chi indaga sulla trattativa tra Stato e mafia”.
Ecco tutti gli appuntamenti in programma.

0 condivisioni

il racconto dell'unico superstite

Nuova strage in mare,
54 morti tra la Libia e la Sicilia

Gli immigrati erano partiti da Tripoli a fine giugno a bordo di un gommone. Dopo un giorno di navigazione il natante sarebbe giunto a ridosso della costa italiana ma i forti venti l’avrebbero spinto indietro. I passeggeri sono morti uno dopo l’altro disisidrati nel corso della traversata-calvario durata 15 giorni. La notizia è stata diffusa dall’Alto commissario delle Nazioni unite per i rifugiati, che ha raccolto la testimonianza dell’unico superstite soccorso la notte scorsa a largo delle coste tunisine mentre era aggrappato a una tanica.

0 condivisioni

tra carini e montelepre

Lapidati, impiccati e avvelenati:
strage di cani randagi nel Palermitano

Solo una bella cagnetta nera ce l’ha fatta, e adesso, è in cura in un ambulatorio di Carini. Per gli altri nove nulla da fare: sono stati ritrovati morti. Impiccati con il fil di ferro, annegati nel fiume, brutalmente avvelenati. Alcuni addirittura lapidati.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.
Leggi le ultime notizie di blogsicilia.it qui