Il comune aumenta di oltre il doppio in un anno la tariffa dell’acqua potabile e concede l’autorizzazione ad installare antenne per i telefoni cellulari: per questo i cittadini di San Biagio Platani, in provincia di Agrigento, proclamano uno sciopero generale, a partire dalla ore 9 del prossimo 29 maggio.

“Manifestiamo il nostro disappunto – si legge in una nota di un gruppo di cittadini condivisa dalla sezione locale del M5S – per le scelte antipopolari intraprese dall’amministrazione comunale che ha aumentato le tariffe idriche che in un anno sono lievitate da 110 a circa 221 euro, e per avere consentito l’installazione di antenne di telefonia mobile, consapevole dell’enorme danno alla salute che provocano con le emissioni di onde elettromagnetiche quando superano i 6V/m. Inoltre la protesta è mirata alla creazione di posti di lavoro per dare la possibilità ai tanti disoccupati di poter lavorare e avere un reddito fisso”.

im