Dopo lo stop all’occupazione e la ripresa delle lezioni tornano le tensioni al Liceo scientifico Stanislao Cannizzaro di Palermo.

Un gruppo di studenti che vorrebbe riprendere l’occupazione ha inscenato, stamani, un picchetto facendo muro davanti l’ingresso per impedire agli altri studenti di entrare a lezione.

Ne è derivata una piccola bagarre fra studenti che volevano accedere all’istituto e manifestanti che volevano impedirlo. Dopo l’intervento del corpo docente che ha avviato una mediazione è tornata la calma

Dopo aver disoccupato alcuni giorni fa, gli studenti del liceo scientifico hanno comunque mantenuto uno stato di agitazione. Ieri, in mattinata, hanno convocato un’assemblea straordinaria nonostante la ferma opposizione della preside, riunendosi tutti nell’atrio centrale e bloccando di fatto lo svolgimento regolare delle lezioni. Oggi c’è stato un altro tentativo di occupazione da parte degli studenti, che hanno bloccato gli ingressi.

All’arrivo gli agenti della DIGOS hanno provato ad entrare a scuola dall’ingresso della mensa. Alcuni studenti hanno provato a bloccare un ingresso ma sono stati dispersi. “Un agente – raccontano i ragazzi – ha placcato uno studente bloccandolo a terra, il ragazzo è fuggito fuori dalla scuola e gli agenti lo hanno seguito, identificandolo”.

In questo momento le acque si sono calmate, gli studenti sono in assemblea straordinaria per discutere di quanto successo, e di quello che definiscono “l’inaccettabile trattamento nei confronti degli studenti”

Adesso in assemblea i ragazzi decideranno come organizzare la giornata. Il Liceo Cannizzaro quindi è nuovamente occupato e un’assemblea deciderà le iniziative di coordinamento di tutte le scuole occupate e in vista del corteo di domani che partirà alle 9:00 da piazza Politeama.

La scorsa settimana a Palermo i liceo occupati erano arrivati a 5 in qualche giorno e la protesta aveva avuto inizio proprio dall’occupazione del Cannizzaro., Attualmente sono cinque gli istituti superiori che proseguono l’occupazione. Il Rutelli e il Nautico appartengono al primo gruppo di occupazioni, ieri hanno iniziato la protesta, invece, il Basile D’aleo di Monreale, l’Alberghiero paolo Borsellino di Palermo mentre si svolge a singhiozzo l’occupazione del Galilei.

Spazi autogestiti senza interrompere le lezioni e assemblea oggi pomeriggio al Vittorio Emanuele III e stato di agitazione al Regina Margherita