Tenta il suicidio ma viene salvata dai carabinieri. E’ accaduto a Comiso, nel Ragusano. A mettere in allarme i militari è stata la telefonata di una donna di 48 anni che ha manifestato l’intenzione di volersi suicidare buttandosi in una cava, senza specificare dove si trovasse precisamente.

Sono bastati però pochi minuti di conversazione, cercando di tranquillizzare la donna e di farla desistere dal proposito, per consentire ai carabinieri di individuare la zona e di recarsi immediatamente nella “Cava delle Grazie”.

Non appena giunti sul posto, i carabinieri hanno notato la presenza della donna che, sull’orlo del dirupo, alto circa trenta metri, era trattenuta con difficoltà dal figlio di 16 anni che rischiava di cadere con la madre.

I militari, dopo averla distratta, hanno bloccato sia la donna che il ragazzo, mettendoli in salvo fino all’arrivo degli altri colleghi e del personale del 118. Accertamenti sono in corso per risalire alle motivazioni che hanno indotto la donna a tentare il suicidio.