Torna oggi a Sala d’Ercole per la discussione generale il disegno di legge di riforma delle Province siciliane. Intanto i capigruppo di maggioranza e opposizione sono riuniti a Palazzo dei Normanni, col presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, per trovare la quadra proprio sulla riforma delle Province, che oggi pomeriggio tornerà in aula per il proseguo della discussione generale quando mancano appena 48 ore alla scadenza dei termini di legge per i comizi elettorali che significherebbe il ritorno al voto per il rinnovo delle Province.
Ieri a sala d’Ercole, per due volte, la riforma ha rischiato di finire nelle sabbie mobili prima per una pregiudiziale di costituzionalità, respinta dal voto d’aula, e poi per una richiesta di sospensiva che se fosse stata messa ai voti e accolta avrebbe affossato il ddl, pericolo scongiurato dal capogruppo del Pd, Baldo Gucciardi, e dal presidente della commissione Affari istituzionali, Antonello Cracolici (Pd), che hanno chiesto l’interruzione dei lavori e l’immediata convocazione della capigruppo che ha deciso il rinvio della discussione del testo a oggi pomeriggio.