E’ una corsa contro il tempo, rincorrendo scadenze, in un mare in tempesta. A Torre del Grifo, quartiere generale del Catania, si cercano soluzioni e uomini per tamponare una situazione difficilissima dopo il ciclone giudiziario che ha investito la dirigenza.

Antonino Pulvirenti ha già rassegnato le dimissioni da ogni ruolo all’interno della società rossazzurra tramite una lettera notificata al Tribunale di Catania, ma adesso si cerca di capire chi gestirà la società.

Oggi, a quanto pare, è previsto un vertice che dovrà chiarire alcuni aspetti come la gestione dei vari rami del club. Per la parte amministrativa della società si pensa ad un incarico operativo da affidare all’attuale vicepresidente Angelo Vitaliti.

Nello specifico si dovrà occupare di iscrivere la squadra al campionato cadetto per evitare ulteriori penalizzazioni. Ci sono poi serie di scadenze economiche non di poco conto come la fidejussione per l’iscrizione alla Serie B che costa 800 mila euro, unitamente alla documentazione sui bilanci e l’avvenuto pagamento di Irpef, Inps e Ires), mentre ieri è scaduto il termine ultimo per consegnare alla Covisoc la dichiarazione relativa agli emolumenti e compensi dei tesserati alla data del 30 aprile 2015.

E’ rebus per la parte tecnico-sportiva: chi dovrà comporre la rosa futura e scegliere il tecnico per la prossima stagione. Ma anche dovrà verosimilmente gestire tra breve le numerosissime trattative per la vendita dei giocatori dell’attuale rosa, che, difficilmente avranno voglia di ripartire dalla Lega Pro (è quasi scontata una retrocessione), al di là del contratto oneroso che hanno in mano.

Ieri, intanto, un primo passaggio relativo al calciomercato: non è stata presentata alcuna offerta per la comproprietà di Francesco Fedato, passato alla Sampdoria che spiega sul proprio di acquisire “alle buste i diritti sportivi dell’attaccante vista l’assenza di depositi (l’altro club interessato era il Calcio Catania)”.

Il futuro è incerto, ma la riunione di oggi serve a capire come muoversi almeno fino alle sentenze della giustizia sportiva.

effelle-at