“L’istituzione di un’universita’ non è un atto di fantasia e non puo’ avvenire per libera iniziativa di privati cittadini, ma seguendo un percorso preciso, in questo caso del tutto inesistente”. Cosi’ il ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca, Stefania Giannini, commenta la notizia dell’apertura ad Enna di una sede della facolta’ di Medicina dell’Universita’ romena ‘Dunarea de Jo’ di Galati.

Parlando ai microfoni di Radio Uno, nel corso del programma ‘Restate scomodi’, la titolare del dicastero di viale Trastevere ha poi aggiunto: “forse e’ il caso di fare chiarezza, soprattutto per quei 60mila studenti che si stanno preparando in questi giorni al test di ammissione a Medicina, e ai quali mando il mio ‘in bocca al lupo’: non c’e’ l’ingresso a gamba tesa di un nuovo soggetto e i posti per Medicina rimangono quelli stabiliti”.

Giannini ha quindi precisato: “Noi oggi abbiamo diffidato tutti i soggetti coinvolti” nell’annunciata istituzione del corso, dal rettore della Kore, ai vertici della Fondazione Proserpina al presidente della Regione siciliana “a non fare nulla, a stare inattivi prima che il ministero abbia chiarito gli eventi perche’ nessuno ha chiesto l’autorizzazione ne’ ha avviato le procedure previste”.