L’altra mattina,  mentre ero in adorazione dello stand della Haribo in un bar dentro la cittadella universitaria di viale delle Scienze a Palermo, la mia attenzione è stata attirata dallo scaffale più basso dell’espositore di caramelle.

“Cocacoline gommose, banane gommose, fragoline gommose, rotelle di liquirizia, ovetti gommosi, ritagli di ostie…”

Ritagli di Ostie?

Non potevo credere ai miei occhi ed invece eccoli lì, dei bei sacchettini trasparenti formato patatine pieni di scarti della fabbricazione di ostie.

Certo sconsacrate, ma devo dire che un po’ mi hanno impressionata dal momento che nella controluce era possibile scorgere in basso rilievo raggi divini luminosi e crocefissi amputati dallo stampo circolare. Insomma uno snack per studenti in attesa di miracolo. Il corpo di Cristo take-away.

Già che ci siamo, in uno dei miei lampi di intelletto, ho pensato che si potrebbe creare la variante delle ostie farcite o aromatizzate. Un sapore per ogni peccato:

pomodoro per l’omicidio, cetriolo per fornicazione e\o sodomia, peperoncino per il tradimento. Chissà, magari potrebbe essere un incentivo per i non praticanti…