Si intensificano i controlli delle forze dell’ordine per contrastare l’abusivismo commerciale, molto diffuso in Sicilia, tanto nei grandi quanto nei piccoli centri. Attimi di terrore mercoledì scorso a Monreale, per i molti turisti che stavano raggiungendo il Duomo, situato nella piazza del paese, dove un venditore abusivo, durante un controllo di carabinieri e polizia municipale, ha cercato di dar fuoco alla propria bancarella.

Giuseppe Pistoia, 54 anni, in segno di protesta ha cosparso di benzina la propria bancarella, manifestando l’intenzione di appiccare il fuoco con un accendino in suo possesso.
E’ stato prontamente immobilizzato dagli agenti che gli hanno impedito di farlo. Inevitabile la colluttazione, conclusasi con l’arresto dell’uomo in regime di detenzione domiciliare in attesa di giudizio direttissimo.

Ieri, davanti al giudice del tribunale di Palermo, Pistoia ha chiesto di essere giudicato con la formula alternativa del rito abbreviato. Il giudice, nel fissare la data del nuovo processo, ha stabilito per Pistoia l’obbligo di firma.

Durante i controlli di mercoledì a Monreale, i carabinieri e gli agenti della polizia municipale hanno emesso 6 verbali, con il sequestro della merce per 7 ambulanti, tutti privi di autorizzazione alla vendita e all’occupazione del suolo pubblico.