Flc Cgil, Cisl Università e Uil Rua siciliane hanno proclamato lo stato di agitazione del personale dei Policlinici dell’Isola e chiesta un’audizione alla VI commissione dell’Ars. I sindacati contestano all’assessorato regionale alla Salute di non avere tenuto in nessuna considerazione la loro richiesta di un riconoscimento, nell’ambito delle linee di indirizzo per la rideterminazione delle dotazioni organiche delle aziende sanitarie, della specificità e del ruolo svolto dai Policlinici universitari con la salvaguardia dei livelli assistenziali e del diritto alla salute.

“I parametri personale/ posti letto voluti dall’assessorato- scrivono in una nota i segretari Scozzaro, Fiolo, Gatto – vanno contro questi obiettivi e noi ne abbiamo chiesto la cancellazione, pur nel rispetto della spesa, o una forte rivisitazione. L’assessorato – aggiungono- ha però inviato il suo documento alla VI commissione, senza averci neanche riconvocati e chiudendo unilateralmente la discussione”. I sindacati rilevano che, nei tavoli, “non è peraltro stato possibile conoscere le conseguenze che le linee di indirizzo possono avere sui livelli occupazionali dei Policlinici, non avendo reso noti l’assessorato i dati in suo possesso”. Criticano, inoltre, la mancanza di risposte sul tema della stabilizzazione dei precari, nonostante la pubblicazione del Dpcm che disciplina le procedure concorsuali riservate alla loro precari”.