Vietato fumare in auto, anche se si tratta della propria, se nella vettura ci sono bambini o donne incinta. Vietato fumare anche negli spazi aperti se nelle vicinanze o nelle pertinenze degli ospedali.

Sono solo alcune delle nuove regole che entrano in vigore da oggi in Italia. La nuova stretta contro il tabacco prevede sanzioni anche molto pesanti. Non ci sono solo i divieti di fumo ma una serie di obblighi anche per produttori e rivenditori.

Da domani il 60% della confezione di sigarette dovrà essere occupato da fotografie di persone malate o in ospedale e avvertenze sui 70 elementi cancerogeni presenti nelle sigarette. immagini e avvisi che prenderanno il posto dell’attuale scritta ‘nuove gravemente alla salute’ che occupa al massimo il 40% della confezione.

Spariscono i pacchetti da 10 sigarette, le confezioni di tabacco sfuso non potranno pesare meno di 30 grammi, vietati tabacchi da arrotolare aromatizzati che vengono spesso considerati, a torto, meno dannosi.

Multe anche da 4000 euro e chiusura per 3 mesi per il rivenditore che dia sigarette a un minorenne. il tabaccaio potrà e dovrà chiedere la carta d’identità se dubita dell’età dell’acquirente. se sorpreso a vendere sigarette a un minore per due volte gli verrà revocata la licenza.

Tutto questo per contenere la diffusione del fumo di sigarette. i bene informati sostengono che presto arriverà il divieto di fumo riguarderà anche i luoghi aperti se affollati. insomma fra qualche anno non si potrà più fumare neanche alla fermata del bus o passeggiando in centro alla domenica